Sono una mamma permissiva

Papàdifilippo si è lamentato più volte questa estate. Sostiene io sia una mamma permissiva. Potrebbe anche essere vero. Mi piace dire di “si”. La vita gli dirà tante volte “No”. E ritengo che insegnare a dire “si, puoi!” sia importante come insegnare a dire “no, non si fa”.  Esempio di alcune cose che Filippo può fare.

Filippo può smontare il divano del salotto e costruire una casa con i cuscini. A me piacciono i divani vissuti. Stropicciati. Come una giacca di pelle. E mi piace questo istinto che hanno i bambini di costruirsi una tana tutta loro.

Filippo può trasformare in giocattolo quasi tutti gli oggetti di casa (incluse cinture, borse e scarpe di mamma e papà, esclusi coltelli accendini e similari). In effetti lo stendi-panni piccolo è una perfetta barella da ospedale per trasportare cane-pupazzo quando sta male. E la cintura di papà si presta benissimo come cinturone da pompiere. E non vorreste anche voi giocare alla tenda degli indiani con gli ombrelli? Per ora non si è mai rotto nulla. Fatta eccezione della scatola del tempo (uno dei gadget assurdi di papàdifilippo  – una scatola per mantenere in carica gli orologi) che per altro era già mezza-rotta.

Filippo può mangiare un gelato prima di pranzo (sotto giuramento di finire poi tutto quello che avrà nel piatto). E’ vero che se il primo si chiama primo ci sarà un perchè. Ma se hai tanta fame e tanta voglia di gelato, perché bisogna aspettare che sia pronta la pasta? E’ da secoli che sento dire che la frutta va mangiata all’inizio del pasto. Non sarà valido pure per il dolce?

Filippo può invadere con i suoi giochi tutte le stanze della casa. Sono molto tollerante nella progressiva esplosione dei giochi di Filippo dalla sua stanza verso tutte le altre stanze della casa durante il procedere della giornata. La nostra camera da letto e l’ingresso sono le prime ad essere attaccate. A volte, non si salva neanche il bagno di servizio.

Filippo può sporcarsi i vestiti. Di solito quando si macchia, mi guarda e mi dice “Non importa niente, vero mamma?” con un accento pericolosamente torinese. Ovviamente non è incentivato a sporcarsi, ma quando succede raramente viene sgridato. Se gli abbiamo comprato una maglietta costosa e che si può rovinare, il problema è nostro, non suo.

Tutto questo fa di me una mamma permissiva? Secondo voi educano più i “no” o più i “si”?

 

 

 

 

Advertisements

7 thoughts on “Sono una mamma permissiva

  1. penso che vivi molto meglio tu! Tutte queste cose i miei figli le fanno nonostante le mie sgridate!
    perchè io odio vedere il divano in disordine, odio vedere i giochi per tutta casa, odio vedere che si sporcano…. ma infatti è un problema mio! 🙂

  2. Sicuramente vivi in maniera più serena. Io non ammetto solo una cosa…il gelato subito prima di pranzo…anche perché ho potuto sperimentare che dopo la mia bimba non mangia più nulla. Il resto sono d’accordissimo con te…salvo momenti (miei) di nervosismo 😛

    1. Devo dire che quando lo leggo nero su bianco, il gelato prima di pranzo lascia perplessa anche me. Però tutte le volte che è successo Filippo ha finito il pasto come aveva promesso….(per fortuna altrimenti papàdifilippo chi lo sentiva!!)

  3. io mi impunto su No diversi. Quelli che includono pericoli che, prima o poi, io non potrò e non dovrò più parare. Via libera a fango, colori, attività(meno per il gelato), confusione per tutta la casa. A patto che poi, un po’ d’ordine venga fatto, magari insieme. Avrà tante di quelle regole là fuori..

  4. Fai bene, i bambini vanno lasciati un po’ liberi. Dico un po’ perché io sono per le vie di mezzo. Lascio fare, ma dopo poco mi prende il riordino compulsivo e coinvolgo tutti a sistemare. Se fosse per loro lascerebbero in giro tutto ovunque. E non è proprio il mio sogno. Per quanto riguarda il gelato, se tuo figlio poi mangia tutto ben venga. Io non lo faccio mai, primo perché non finirebbe il pasto, secondo perché vorrei darle delle regole ai pasti. Ma ogni famiglia fa quel che vuole, l’importante è sentirsi bene!
    A presto, momfrancesca

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...