No&Capricci

Filippo è nella fase dei no. Dice no in continuazione. E quando piange. E’ una mitragliatrice di no. No. No. No. Un po’ i suoi no mi fanno ridere. A volte, la “o” è così lunga che sembrano quasi un sì. Sì, ho capito che è no. A volte, sono un’affermazione di scelta e personalità. Un no di libertà. Che mi piace. E mi piace rispettare. Altre volte, invece, sono solo la voce di un capriccio. I suoi primi “temper tantrums”. Un no verso un non so cosa. Che non riesce a dominare. Come stamattina. Era tutto un no. no. no. Filippo ma cosa no? Nooo. Noooo. E più era nooo. Ultimamente in caso di capricci utilizzo un trucchetto che ho letto sul libro di tata Lucia “Fate i bravi – Zero tre anni.” Quando Filippo inizia a sbattere i piedi per terra. Senza senso. Gli parlo di un gattino. Con voce languida.”Te lo ricordi Filippo il gattino?”. “Com’era calmo!”. “Se ne stava fermo fermo, vero?”, “Che verso faceva?” Non so perchè. Ma funziona. Filippo all’immagine del gattino si rilassa. Il capriccio si dissolve. E i no, diventano tutto un ao, ao (il verso del gatto secondo Filippo). E chissà di quale gattino si ricorda. Che spesso andiamo a vedere i cani al parchetto vicino casa. Ma i gatti!?! Papàdifilippo è pure allergico!  Forse sarà il tono della voce. Durante un corso aziendale sull’empatia mi avevano spiegato che per smorzare una discussione accesa si deve cambiare bruscamente il tono della voce. Tipo che hai uno davanti che urla. E tu gli sossurri. Lui (e lei) si sente immediatamente pazzo e si calma.

ps. qualche giorno fà ho fatto un esercizio. Volevo portarlo avanti tutta la giornata. Ma alle 11 mi sono un po’ depressa ed ho smesso. L’esercizio consisteva nel contare quante volte dico io NO a Filippo. Brutto dirlo. Più brutto scriverlo. Troppe. Purtroppo, spesso no è quasi un intercalare. No, il latte per terra. No, la spazzola nel water. No. No. Ovviamente ci sono dei no inevitabili. Decisi. E senza ma. Ma alcuni dei miei potrebbero essere, senza dubbio, sostituiti. Sempre nel libro di Tata Lucia ho trovato alcuni esempi. Invece di “No la tazza si rompe”, “La tazza è delicata. Tienila forte e vieni che ti aiuto ad appoggiarla sul tavolo”. Invece di “Non prendere la matita a tuo fratello”, “Porto io la matita a tuo fratello e a te ne do un’altra”. La mattina, mentre con una mano si mette a posto la cucina e l’altra vesti lui, te, e trovi qualche calzino di tuo marito, non è facile pensare ad un’alternativa al no. Ma se per uno o due giorni. Si fa caso ai no (che spesso sono sempre gli stessi). E poi si scelgono a mente lucida delle frase sostitutive. Usarle al momento opportuno diventa più facile. E via via automatico. Funziona bene anche con suocere petulanti e colleghi fastidiosi.

Advertisements

2 thoughts on “No&Capricci

  1. E anche questa volta, mi trovo d’accordo con te.
    MI hai fatto riflettere sull’atteggiamento che spesso abbiamo…anch’io mi rendo conto di dire tante volte no e se ci penso riconosco che Anita “non capisce”, o meglio, non accetta.
    Allora provo a cambiare tono, dare una connotazione diversa alla frase ma non sempre è facile. Continuiamo a provarci?? Forse ne vale la pena.

  2. Adoro Tata Lucia, più delle altre! Mi ricordo che in una puntata lei spiegò proprio quanto sia importante quando ci si rivolge ai bambini non utilizzare il no, ma “girare” sempre tutto in positivo, perchè stimola, crea fiducia, rafforza, e per un pò l’ho fatto e poi presa da mille cose quotidiane l’ho dimenticato, ma grazie mammadifilippo per questo post, devo prestarci attenzione, e riprendere a farlo, specie in questo periodo in cui i capricci ed i no di Nico sono tornati prepotentemente a farsi sentire!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...