Consigli di scatto – dal blog di Roberta Garofalo, fotografa professionista

Andando alla ricerca di consigli per inquadrare al meglio famigliadifilippo, sono “inciampata” nel nuovissimo blog di Roberta Garofalo, mamma, fotografa, membro accreditato del NAPCP, National Association of Professional Child Photographers. Sono rimasta catturata dalle righe bianche e rosse dei suoi set fotografici  e ho deciso di seguire con rigore tutti i suoi consigli per riempire di (belle!) foto l’album di famiglia.
Prima tra tutti l’idea di “fotografare il loro cordone ombelicale con il mondo” ovvero di dedicarsi anche ai piccoli oggetti. Quelli che oggi i nostri bambini amano in modo speciale. Quelli che domani, diventati grandi saranno felici di poter ricordare attraverso una foto che abbiamo pensato tutta per loro. Poi, l’invito di creare set-fai-da-te con sfondi colorati e decorazioni varie per giocare a “La fotografa-stylist ed il mini-top model”.  Ho già in mente un romanticissimo set pieno di bolle di sapone per un’indimenticabile foto in giardino.
Pensando alle mamme già mamme che aspettano o hanno appena partorito il secondo bambino, ho chiesto a Roberta qualche consiglio per pregnancy picture con fratellini e sorelline. Premetto che io da secondogenita sono molto sensibile sull’argomento. La mia mamma, infatti, ha diverse foto di lei incinta di mio fratello, nonché tantissime foto del suo bellissimo primo figlio tutto biondo con gli occhi azzurri. Di me, ci sono zero foto di mamma incinta e numero 3 foto durante il mio primo anno di vita (solo 3 davvero! Non è incredibile? Dal primo anno in poi per fortuna la situazione migliora…) Capisco che io ero nera-nera come l’anatroccolo della favola. Capisco che al tempo non c’era la macchinetta digitale. E che, solo i giapponesi in visita in Italia scattavano tante fotografie quante se ne scattano oggi. Capisco anche che con il secondo figlio è tutto diverso e ci sono molte più cose da fare…Ma possibile che non hanno pensato nemmeno ad una foto con me nella pancia?! Perciò mi raccomando mamme al secondo figlio, SCATTATE! 
Pancione e primogeniti: come si combinano in un unico scatto? Quali sono le difficoltà e i suggerimenti per superarle?
E’ meno complicato di quanto si possa immaginare. Spesso il primogenito adora giocare con il pancione  ma non gli viene permesso per ovvii timori.  Diamogli la possibilità di un set fotografico tutto per se (e non per il pancione) dove esprimere il suo amore offrendo colori e giochi  per comunicare liberamente con il “nuovo inquilino” e ci restituirà  immagini  meravigliose.
E quando il piccolo è nato? Puoi darci qualche suggerimento per un’inquadratura diversa dal solito gnomo con lo gnomissimo in braccio?
Adoro le inquadrature dei piedi e delle mani in diverse grandezze, le foto di tutti i fratelli nel lettone grande sopra un lenzuolo bianco,  il piccolo invaso dai baci e dalle coccole dei più grandi. In questi casi è inutile suggerire ai bambini cosa fare con l’ultimo arrivato: spesso se si lasciano liberi di esprimere la loro affettività, sono molto più originali di noi adulti!
Quale fotografa professionista, ti sarà capitato molto spesso di lavorare con coppie di fratellini e sorelline appena formate. Queste sessioni fotografiche possono diventare motivo di gelosia per il più grande? Ci puoi dare qualche suggerimento da “fotografa-psicologa” per assicurarsi che sia un’esperienza divertente e gioiosa per tutti?
Basta creare un set divertente e tutto il bello si sprigiona come per magia. I bambini devono divertirsi durante una sessione fotografica, non devono posare (o meglio) devono posare senza accorgersene.
Recentemente ho scritto un post per il mio blog  dal titolo “Divertiamoci più di loro” in cui spiego proprio questo aspetto ludico della sessione fotografica sia dalla parte dei bambini  sia dalla parte dei genitori. Io mi diverto sempre quando scatto in studio ed i bambini spesso non vogliono più uscire dal set. Per me conta questo, prima degli scatti.
Parliamo infine del “ritratto di famiglia”. Secondo te, per un ritratto contemporaneo, qual è il momento migliore per fotografare la nuova famiglia a quattro?
Non c’è un momento migliore rispetto ad un altro. Occorre sentirsi pronti per un ritratto di famiglia.  Sentire la famiglia così forte “dentro” da riuscire a portarla “fuori” e non c’è trucco o  styling o look che tengano. E’ tutto secondario e marginale rispetto alla “percezione”  fotografica della  propria famiglia.
Nel caso di una foto “casalinga” di tutta la famiglia dovremmo farci aiutare dall’autoscatto. Puoi darci qualche consiglio per utilizzarlo?
Consiglio sempre di poggiare la fotocamera su un piano o un tavolino ad  altezza giusta per l’inquadratura, fissarla bene se necessario anche  con nastro adesivo, controllare luci e messa a fuoco…..spostarsi velocemente senza farla cadere (un classico) e scattare! That’s all.
Un grazie speciale a Roberta per le sue risposte e tutti i consigli che regala dal suo blog!
Annunci

3 thoughts on “Consigli di scatto – dal blog di Roberta Garofalo, fotografa professionista

  1. I have been surfing on-line more than three hours as of late,
    but I never discovered any interesting article
    like yours. It is beautiful value enough for me.
    In my opinion, if all site owners and bloggers made just right
    content material as you did, the web might be much more useful than ever before.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...