Speciale donnexdonne sui socialnetwork alla ricerca delle buone prassi al femminile – Intervista a Patrizia Eremita

Oggi è il 21 luglio. Oggi un gruppo di donne delle rete ha deciso di dedicare i proprio post, status & Co “alla ricerca delle buone prassi al femminile”. Prassi di collaborazione. Prassi di solidarietà.
Volendo aderire a questa iniziativa, oggi racconto e faccio parlare Patrizia Eremita. Manager in azienda. Mamma. E fondatrice di “Mamma&Lavoro”. Un sito. Un network. Un progetto. Rivolto alle donne. E realizzato grazie alla collaborazione con altre donne. Lo ha fatto perché ci crede. Perché serviva. E perché l’appassiona. E la passione è il miglior carburante per il genere umano. Riesce a trovare tempo e spazio, dove non esistono. Tessere velocemente un numero enorme di relazioni. E rende tenaci, anche quando non se ne guadagna nulla.
Patrizia, raccontaci com’è nato “Mamme e Lavoro”?
Sono certa che se non fosse arrivato nella mia vita il mio bimbo (quasi 4 anni fa) non sarebbe mai nato il portale Mammaelavoro.it. E sapete perchè? Perchè prima, da donna senza figli non avevo la benchè minima idea di come fosse la vita di una mamma che lavora (in Italia) e non mi rendevo conto di quanto fosse difficile (per usare un’eufemismo) cercare di conciliare i bisogni della famiglia e il lavoro. E’ stato proprio quando anche io sono diventata mamma che ho vissuto direttamente  quello che  prima sentivo ma non ascoltavo e ho capito che le donne che scelgono di vivere la maternità spesso cercano supporto e consigli …  è nata quasi come una sfida personale la voglia di parlarne di più e di poter essere d’aiuto a chi cercasse sul web informazioni e spunti mirati su questo tema.

“Mamme & Lavoro” è il frutto della collaborazione di diverse donne. Come hai raccolto tutte queste energie femminili? Come si amalgamo?
Si, certo…il Portale vive e  viene popolato da contributi che vengono da altre donne eccezionali (quasi tutte mamme) che appena hanno sentito quali obiettivi mi ponevo e come volevo far crescere il sito, hanno “sposato” il pensiero e il progetto e deciso di scrivere articoli  inerenti alla loro area di specializzazione…e io non le ringrazierò mai abbastanza!
Alcune hanno iniziato insieme a noi proprio all’inizio, ai primi vagiti del sito…altre si sono unite a noi strada facendo…non  avete  idea di quante donne incredibili ci sono là fuori che hanno un sacco di cose interessanti da dire
Un piccolo bilancio di ciò che non ti aspettavi. Cosa si è rilevato facile, mentre pensavi fosse difficile?
Mah, quello che forse non mi aspettavo è  scoprire quanto fosse radicato nella nostra cultura il rifiuto di  alcuni a guardare alle donne con occhi diversi, valutarle per il valore che possono portare con sè  il loro talento non può andare sprecato.
Quello che invece mi ha sorpreso piacevolmente è che le donne vogliono lavorare insieme per cambiare questa mentalità e stato delle cose e sono aperte a lavorare “in squadra” …una bella scoperta e un bell’entusiasmo.
E cosa avevi invece sottovalutato?
I tempi per vedere cambiamenti sostanziali…ci vorrà parecchio tempo, qualche decennio senza dubbio…ma ho la sensazione che abbiamo imboccato la strada giusta… Bisogna continuare, qui non si tratta di garantire  solo pari opportunità ma anche pari dignità !
Il lavoro. Le iniziative sul web (blogs & Co). I bambini. Gli uomini. Il fitness. I pranzi con le amiche alla Sex&the City. Le donne sono storicamente multi-tasking. E negli ultimi anni lo sono sempre di più. Perché? Per chi? 
Nel nostro paese le mamme non vengono certo supportate e il rientro al  lavoro spesso è un’esperienza traumatica, motivo per il quale spesso fanno scelte drastiche: il 27% abbandona il lavoro dopo il primo figlio e un altro 15% non rientra dopo il secondo.
Insomma, una difficoltà oggettiva per le donne che hanno il desiderio di continuare a lavorare o che vogliono mantenere il proprio posto al rientro dalla maternità e una certa “resistenza” da parte delle aziende a inserire donne all’interno dei propri organici, come se per qualche motivo questa sia una risorsa che costa 100 ma in realtà rende 50. Ma non è così! È anche questo il luogo comune, il tranello in cui si cade: la donna, soprattutto se ha la possibilità di mantenere il proprio lavoro (anche con orario ridotto o part-time) è capace di sfruttare il tempo in maniera più efficace e di essere molto più efficiente. In alter parole, essere multitasking!
Tante le esperienze raccolte in questi ultimi 4 anni di donne che ho incontrato e che mi hanno raccontato le loro diverse storie, rientro difficile, demansionamento, isolamento e spesso mobbing sottile e non che ha reso il rientro in ufficio traumatico.
Quali aggettivi caratterizzano i tuoi “role model”?
Collaborante, appassionata, curiosa, creativa, diversa e propensa all’ascolto.
Ed ora qualche domanda, ispirata dal tema della giornata. Il tuo gesto di solidarietà preferito tra donne…
…in un pomeriggio con i bambini  La capacità delle mamme di avere attenzioni per i bambini in generale, non solo i propri…
…in un negozio – anche il più banale; aprire la porta di un negozio a una mamma con passeggino e carica di mille pacchetti della spesa…
…in ufficio – mi viene sempre in mente “la capacità di ascolto”… che personalmente  ho sempre trovato un regalo da parte di chi me lo concedeva e che ho imparato a restituire.
…in un locale (discoteca/ristorante etc) “scusi, senza offesa….ha una foglia di insalata tra i denti”…
…nel mondo-web la grande forza delle donne di unirsi e lavorare ad un progetto con quella bella adrenalina che ti fa venir voglia di fare grandi cose
Qual è l’ambizione per “Mamme e Lavoro”?
Mammaelavoro.it è un sito web che vuole che di tutti gli  argomenti citati poco fa si parli, che si crei una coscienza civile e una consapevolezza comune. Tante le donne che sentono di poter contribuire allo sviluppo con la propria professionalità e tante quelle che ogni giorno incontrano grandi difficoltà.
Il sito contiene molte  informazioni utili e parecchie rubriche interessanti (alcune anche divertenti, perché no!) ed è nato anche con l’intenzione di fornire uno strumento di condivisione alle donne e mamme che lavorano (coaching per le mamme, testimonianze di donne che hanno fatto una scelta di imprenditorialità ecc).
Inoltre Mamma&Lavoro e Manpower Italia hanno stretto una partnership che prevede un motore di ricerca lavoro nella rubrica “Trova Lavoro” con la possibilità di inserire filtri (come il part time o il telelavoro) per le mamme che cercano un lavoro.
E l’ambizione di Patrizia? Come vorresti che fosse il tuo quotidiano tra 5 anni?
Bella questa domanda… e voglio rispondere “di pancia”…  Vorrei che Mamma&Lavoro crescesse bene nel prossimo futuro (in qualità soprattutto) e che fosse un sito dove le mamme che lavorano vadano istintivamente a cercare la risposta al dubbio o alla necessità di informazione.. Io voglio continuare ad arricchire il Portale, le idee sono tantissime e I pezzi di carta con appunti, idee buttati giù al volo altrettanti…voglio trovare il tempo per sviluppare tutte queste idee e voglio credere che ce la posso fare.
Sto anche lavorando a un progetto da presentare alle aziende sensibili al tema della conciliazione e ne scriverò presto sul sito (è una delle nuove cose che vogliamo lanciare prossimamente…J)
Tra 5 anni mi piacerebbe leggere sui giornali che l’azienda Y o Z continua a proporre al proprio interno servizi dedicati alle mamme e ai papà per conciliare meglio la loro vita lavorativa/famigliare…e chissà, Mamma&Lavoro potrebbe essere di supporto a queste aziende…
Nel nostro piccolo ce la mettiamo tutta perchè ci sia un miglioramento della condizione della mamma che lavora in Italia perchè le donne sono una risorsa importante per il nostro futuro.
Cara Patrizia, grazie mille per il tempo che hai dedicato a questa intervista ed a Maternity leave. In bocca al lupo di tutto cuore per i tuoi progetti. “Mamme e Lavoro” ha una newsletter che se desiderate potete sottoscrivere qui. Io la ricevo e la trovo molto interessante.
Voglio ringraziare anche chi ha pensato e realizzato l’iniziativa “Donnexdonne sui socialnetwork alla ricerca delle buoni prassi al femminile”. E lasciare un mio breve commento personale. La collaborazione al femminile esiste. Come esistono gli sgambetti tra donne. E così tra uomini. Questo è insindacabile. 
Forse. Quello che manca è la “comunicazione”, la “pubblicità”.
In generale. Le donne fanno tanto. Si “vendono” poco. Specie nelle proprie virtù. Che sono date spesso per scontate. Un po’ da tutti. Propongo un test a riguardo. Controllate il profilo linkedin di 10 amici maschi e 10 amiche femmine. Il modo in cui si descrivono e qualificano. E tirate le vostre conclusioni.   
In tante hanno aderito all’iniziativa. Ecco il loro contributo e punto di vista.
I pensieri di Stefania – E’ difficile non impossibile
Cuor di Carciofo – Donnexdonne: provo a dire la mia
Chiara di nome – Raccontare
Mamma in corriera – Donne x donne: l’azienda e il nido
Milano e Lorenza – Donne x donne: da un minimo a un massimo
Manager di me stessa – Ma le donne in che lingua si parlano?
Non voglio mica la luna – Penelope 2.0
Mamma Economia – Aspettando #donnexdonne
Mamma Economia – Una buona prassi al femminile …un pò maschile
Mamma che testa – Donne per donne – le buone prassi
The Working Mothers Italy – #donnexdonne buone prassi al femminile: working mothers italy
Là in mezzo al mar – Squadra che vince
Trinity Pat – Donne a favore del parto Eco-logico e Bio-Logico. Logico, no?
Blogger creativa – Donne sul web e buone prassi
Blogger Creativa – #donnexdonne, le vetero-feministe, le buone, le pratiche
Cronache pedagogiche – Cure matrigne
Mamma di fretta – Buone prassi femminili
MaMarketing – Eva contro Eva
Donne in ritardo – Gli sfigati che fanno rete
Quaranta ma non li dimostra – Donne in rete: sesso e buone prassi
Quaranta ma non li dimostra – Buone prassi per amanti, madri, mogli
Annunci

5 thoughts on “Speciale donnexdonne sui socialnetwork alla ricerca delle buone prassi al femminile – Intervista a Patrizia Eremita

  1. Bellissima intervista e storia molto interessante!
    Bisogna continuare su questa strada e cercare di cambiare la cultura per il bene dei nostri figli!

    Laura75

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...