Gigoteuse

Gli esperti consigliano di creare una routine per accompagnare i bambini al sonno: un piccolo rito che li aiuti ad orientarsi e sentirsi sicuri. Il rito della notte di Filippo prevede un saluto di buonanotte per tutti gli amici del giorno (sdraietta, giocattoli, cucina…) ed un grande ciao al sacco nanna, compagno della notte.
Il sacco nanna l’ho scoperto grazie alla mia amica Valeria. E’ stato amore a prima vista. Da subito, ho deciso che l’avrei comprato anche io perchè era troppo carino. Utilizzandolo, ho avuto modo di verificare che è anche davvero pratico. Perchè Filippo durante la notte si muove (e scopre) parecchio. Invece, nel sacco rimane al caldo.
Quando ero incinta ho fatto una lunga ricerca
per identificare il più bello. Nella foto il sacco nanna (o meglio gigoteuse, visto che è francese…) scelto alla fine. Purtroppo però non mi sono interessata abbastanza all’aspetto funzionale del sacco nanna, così per errore l’ho ordinato estivo!
La nonna paterna di Filippo è molto brava con ferri e lana. Così ne ho potuto commissionare uno invernale. Lei è riuscita a farlo ricalcando la sagoma di quello che avevo comprato.
Qui sotto, i miei preferiti su Etsy (di Kallimas Design e More than baby)

Una marca di cui si parla molto è la Grobag, sembra che sia tra le migliori. Molte mamme sono entusiaste, alcune sono rimaste un po’ perplesse dallo spessore (troppo sottile?). Tra le seguaci, Andrea e Michele di Ekopupo, che suggeriscono anche un negozio online dove comprarli a meno.
Da segnalare anche i post di Pane, Amore e Creatività: Sacco nanna a costo zero, Il sacco nanna, quale scegliere per l’inverno, Come fare il sacco nanna.

Se decidete di provare a confezionare un sacco nanna, ecco due accortezze.
1) Se lo realizzate a maglia, prevedete anche una fodera. Noi inizialmente avevamo pensato di inserire una fodera in pile. Poi abbiamo desistito perchè temevamo lo rendesse troppo caldo. Filippo però di notte si muove e a furia di scalciare, la maglia si è un po’ allentata. Il prossimo lo fodero con del cotone. In generale, con i bambini piccoli, più cotone c’è, meglio è.
2) Evitate i bottoni. Preferite i bottoni a pressione, i laccetti, le lampo (magari montate con la cerniera in basso, come quelli della grobag). I bottoni sono piccoli. Le cose piccole possono finire in bocca. Sarà una paranoia da mamma ansiosa, ma non si sa mai…

Annunci

3 thoughts on “Gigoteuse

  1. Che belli sono! Sconsiglio fortemente di farlo o comprarlo di pile, è un tessuto sintetico, ricavato dal poliestere, una recente ricerca ha fatto emergere persino la sua tossicità.

  2. Ciao mammadifilippo
    abbiamo notato solo ora la citazione del nostro blog Ekopupo. Grazie! In merito al sacco da nanna abbiamo fatto ottima esperienza con i sacchi da nanna della C&A (C und A), negozio d'abbigliamento presente in Svizzera e Germania. Non sono così belli come quelli presentati nel tuo post, ma funzionali e soprattutto liberi da materiali/sostanze tossiche.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...