Internet addiction disorder

gennaio 22, 2013 § 1 commento

Sto diventando una navigatrice di internet compulsiva. Nello specifico credo di soffrire di sovraccarico cognitivo. Il fiato corto e la pancia pesante mi portano a navigare senza posa. Cerco per ore blog polacchi, svedesi, australiani. La scorsa settimana ho passato 3 giorni su un sito di hobbistica. Ho visionato tutto l’assortimento. In effetti, mi sembra proprio un negozio favoloso. Fustellatrici. Paillettes. Nastri. Forme di legno. C’è anche il mais per bambini. Ad ottimi prezzi. Ieri sera mi sono persa sulla board DIY di Pasty Henspetter. Ha un archivio di 7238 pins. Mi sono chiesta se non abbia qualche problemino anche lei! Poi sono finita su questo sito di stoffe. Ed ho sognato cuscini, coperte, kimoni per ore. Devo darci un taglio. Mi ha molto colpito un post scritto da Erin Loechner di DesignforManKind e DesignforMinikind. Parla di “slow blogging” e lamenta il moltiplicarsi delle “segnalazioni” del ricircolo delle informazioni ed il ridursi delle “creazioni”: “Less blogging, more learning. Less links, more inspiration. Less projects, more processes” (cit.)”. Vorrei cercare di ispirarmi a questo mantra. Cogliere l’occasione di questo “tempo libero” per approfondire piuttosto che svolazzare.

ENG. This is a confession of an internet addict. I browse the web for hours and hours. I navigate Poland blogs. Last week I spent 3 day looking to the whole assortment of a hobby online shop. It’s a great shop, indeed. Die cutters. Paillettes. Wood-art. Great prices. You can even find “Happy mais” for your kids. Yesterday night I reviewed the DIY board of Pasty Henspetter. She has accumulated 7238 pins (large majority, super cool!). So maybe she has some internet addiction, too. Then, I found a French fabric shop. And I have started to imagine pillows, bed cover, and little dress for hours and hours. I need to revert this trend! Recently, I have read an inspiring post by Erin Loechner (designformankind and designforminikind). It was about “slow blogging“: “Less blogging, more learning. Less links, more inspiration. Less projects, more processes”. My resolution is to apply this in my daily life during this maternity leave. Take advantage of the free-time I have to deepen new skills, new knowledge instead of “navigate” the surface.  

About these ads

Tag:, , ,

§ Una risposta a Internet addiction disorder

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Internet addiction disorder su Maternity Leave.

Meta

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 155 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: